Black woman enjoying VR headset

4 applicazioni di Virtual Reality che cambieranno il futuro

La realtà virtuale (VR) è, ad oggi, una delle tecnologie innovative più promettenti e non solo nel campo dell’intrattenimento. Sono infatti migliaia le aziende che stanno sviluppando e implementando varie applicazioni di VR in una gamma di settori sempre più ampia. Le prospettive per il prossimo futuro sono rosee: è difficile immaginarsi un settore che potrebbe non trarre beneficio dall’utilizzo di questa tecnologia.

Cos’è la Realtà Virtuale? 

Si tratta di una simulazione al computer che consente all’utente di interagire in un ambiente visivo artificiale 3D o altro ambiente sensoriale. L’ambiente e gli oggetti presenti in esso sembrano reali e l’utente ha la sensazione di immergersi in questo mondo. Questa illusione è detta telepresenza, e si rende possibile attraverso sensori di movimento che rilevano i movimenti dell’utente in tempo reale e regolano la visualizzazione che appare sullo schermo. 

Le applicazioni del futuro

Le prime applicazioni di realtà virtuale risalgono a ben 50 anni fa. È divertente pensare che, ancora ad oggi, sia considerata una tecnologia emergente! Quali sono invece le applicazioni di VR che impazzeranno nel prossimo futuro? Scoprilo qui sotto!

1. Realtà Virtuale Semi-immersiva

Le esperienze virtuali semi-immersive si svolgono in un’ambiente solo parzialmente virtuale. Se l’utente si concentra sull’immagine digitale, avrà comunque la percezione di trovarsi in una realtà diversa, ma rimarrà comunque in contatto con l’ambiente circostante. La tecnologia semi-immersiva fornisce realismo attraverso la grafica 3D, un termine noto come profondità della realtà verticale. Una grafica più dettagliata si traduce in una sensazione più coinvolgente. 

Esempi:

Un esempio di VR semi immersiva arriva dritto dal settore dell’intrattenimento; pensiamo, infatti, ai film 4-D. Ora, la tecnologia viene utilizzata principalmente per scopi educativi, come i simulatori di volo che coinvolgono una cabina di pilotaggio mobile e un ambiente simulato sugli schermi. Questo sistema consente ai piloti di addestrarsi senza incorrere nei rischi di pilotare un vero aereo. 

2. Realtà Virtuale Collaborativa

Un ambiente virtuale collaborativo (anche detto CVE, Collaborative Virtual Environment) è una forma di realtà virtuale distribuita progettata per supportare attività collaborative. I CVE forniscono un panorama digitale potenzialmente infinito, all’interno del quale più utenti possono interagire tra loro e con rappresentazioni di dati semplici o complesse.

Esempi:

La realtà virtuale collaborativa porta i programmi di videoconferenza come Skype a un livello superiore. Questa forma di VR proietta lo stesso ambiente virtuale a più utenti contemporaneamente, indipendentemente da dove essi si trovino. Di conseguenza, i partecipanti possono condividere idee e lavorare insieme su progetti.

La realtà virtuale collaborativa può essere semplice o complessa. Semplice, come una sala conferenze virtuale, o complessa, come un progetto 3D interattivo che gli utilizzatori possono modificare contemporaneamente. 

3. Realtà Aumentata

Allo stesso modo della realtà virtuale semi-immersiva, anche la realtà aumentata (augmented reality – AR), non immerge completamente l’utente. La differenza tra le due sta nel fatto che la realtà aumentata sovrappone elementi virtuali al mondo reale, tramite livelli che possono essere sensoriali (suoni, immagini, aptica) o informativi (dati). La realtà aumentata è considerata parte della realtà virtuale.

Esempi:

L’AR mostra promesse allettanti per diversi settori. Gli shop online possono utilizzarla per proiettare immagini 3D dei prodotti in scala direttamente a casa del potenziale acquirente. Attraverso l’utilizzo dei visori per la Realtà Aumentata è possibile elevare il servizio di assistenza tecnica grazie all’opportunità di evidenziare digitalmente errori e malfunzionamenti dei macchinari. Applicazioni simili possono aiutare gli insegnanti a rendere le lezioni più coinvolgenti per gli studenti.

4. Manufacturing VR

Anche prima della pandemia da COVID-19, il manifatturiero era uno dei settori che stava maggiormente adottando le tecnologia di realtà virtuale e aumentata. La realtà virtuale fornisce la struttura tridimensionale di qualsiasi macchinario in un sistema generato dal computer. È possibile facilmente mostrare un elemento e i suoi componenti, vedere esattamente come funziona ogni singola parte.

Esempi

Il manifatturiero utilizza la VR per facilitare il processo con cui gli ingegneri costruiscono modelli virtuali di nuove auto, macchinari, robot. La VR viene adottata anche dai commerciali per mostrare i prodotti attraverso cataloghi virtuali particolarmente attrattivi. 

Le tecnologia VR e AR possono garantire sicurezza e qualità in ogni fase del processo di produzione, dalla progettazione alla gestione dell’inventario. È possibile ricreare l’ambiente di lavoro e persino le condizioni meteorologiche con la massima precisione, per garantire le migliori condizioni per la formazione del personale. Il tutto senza alcun rischio per i macchinari e per le persone. 

Gli overlay AR aiutano i dipendenti a individuare gli errori durante i controlli di qualità. Allo stesso modo, la tecnologia AR indossabile attraverso headset consente ai lavoratori di identificare parti e prodotti più rapidamente che a occhio nudo.

Scopri di più sulla Realtà Virtuale

La realtà virtuale sta già cambiando il modo in cui operano alcune aziende. E in futuro si prevede che il suo utilizzo non potrà che aumentare. Se hai bisogno di maggiori informazioni sulle applicazioni di Realtà Virtuale che Arwire può sviluppare per la tua azienda, contattaci qui.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su linkedin
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *