Augmented Reality

4 motivi per cui la Realtà Aumentata dovrebbe essere parte integrante della tua campagna di Marketing

I mercati odierni sono guidati sempre più dalle esigenze e dai desideri dei consumatori che, con l’avanzare della tecnologia, si rivelano parecchio mutevoli. Stare al passo con questi cambiamenti, o meglio, anticiparli, non è semplice. 

Ecco perché entra in gioco la realtà aumentata, per migliorare la percezione del brand attraverso i dispositivi mobili e offrire un’esperienza di acquisto unica al consumatore. 

Il mobile è diventato uno dei tipi di media più significativi attraverso i quali i consumatori interagiscono con i brand e prendono decisioni di acquisto. 

In questo articolo, esploreremo i pro dell’utilizzo della realtà aumentata nel marketing, oltre a spiegare come la tua azienda potrebbe trarre vantaggio da questa nuova soluzione virtuale interattiva e distinguersi dalla massa.

In che modo la realtà aumentata avvantaggia il marketing?

La realtà aumentata offre un intero mondo di soluzioni per le aziende che operano nella molteplicità dei settori. In effetti, i vantaggi della realtà aumentata nel marketing sono infiniti, in particolare per i brand che si distinguono per creatività e innovazione, e che hanno come obiettivo attirare e coinvolgere il proprio pubblico con strumenti all’avanguardia.

Nel 2021 è possibile sperimentare l’AR con quasi tutti i browser Web, dunque gli utenti non devono acquistare attrezzature costose per fruire dello spettacolo. Il proprio smartphone o tablet sono più che sufficienti. La comunicazione può essere ampiamente migliorata in alcuni settori in particolare, come quello immobiliare, poiché gli acquirenti possono effettuare visite virtuali alle proprietà senza doversi spostare geograficamente (ricordi? Ne abbiamo parlato qui)

1. Try before buy

I potenziali clienti vogliono provare i prodotti, per essere sicuri di non pentirsi dell’acquisto. Camerini, tester cosmetici, test drive automobilistici e molto altro testimoniano l’efficacia di questa strategia di vendita. Le esperienze di acquisto in realtà aumentata e virtuale sono una delle ultime tendenze nel settore della vendita al dettaglio.

Utilizzando l’AR, i potenziali clienti possono provare prodotti make-up e capi di abbigliamento, verificare come starebbe una lampada in quell’angolo della sala e verificare se un modello di occhiali si adatta alla forma del viso. L’AR annulla la necessità di un ampio inventario fisico per consentire ai clienti di provare dozzine o addirittura centinaia di articoli alla ricerca di quello che meglio soddisfa le proprie esigenze.

Se vuoi approfondire, leggi questo articolo: Fashion XR: come l’industria della moda e del beauty sta sfruttando i benefici della Extended Reality

2. Crea interesse attorno ad un brand

La realtà aumentata può essere utilizzata anche come parte di una strategia di vendita e marketing indiretta. Mentre le applicazioni AR che abbiamo visto al punto sopra avevano come scopo facilitare la vendita, l’AR può anche essere utilizzato per migliorare la percezione del marchio da parte dei consumatori.

Un’esperienza di realtà aumentata inaspettata e divertente può provocare un notevole entusiasmo nella comunità consumatori, soprattutto se consideriamo che l’AR è percepita come un fenomeno nuovo dalla maggior parte delle persone. La creazione di un’esperienza di questa natura si consolida nella mente del consumatore, traducendosi in un ricordo duraturo.

3. Diventa sempre più economica 

Rispetto a qualche anno fa, implementare applicazioni AR è ora più semplice e meno costoso e il numero di professionisti in grado di fare ciò (come noi di Arwire!) è in grado di rispondere alla crescente domanda. Ci sono più strumenti, più risorse, più piattaforme, più supporto, più documentazione e, in generale, molta più attenzione ad offrire applicazioni AR semplificando i costi.

4. L’AR aumenta il coinvolgimento

L’AR mira ad aumentare il coinvolgimento degli utenti, lasciando un’impressione positiva del tuo marchio agli occhi dei clienti. Dimentica le interfacce utente piatte! Con la AR puoi toccare lo schermo per posizionare il prodotto e camminarci intorno, ridimensionare il prodotto per vedere le sue dimensioni reali, sparare agli alieni nascosti nella tua stanza, prova scarpe, rossetti, occhiali, cappelli, cambiare il pavimento e le pareti di casa tua. Tutto possibile con il 3D e la realtà aumentata. 

L’AR stimola il coinvolgimento anche attraverso la “gamification”, cioè la tecnica di trasformare un veicolo pubblicitario in un gioco. Uno dei modi per farlo è sviluppare un’applicazione che istruisca gli utenti sul prodotto e li ricompensi con determinati incentivi al completamento dell’attività. In questo modo, l’utente non percepirà l’applicazione come uno strumento commerciale e ne aumenta la memorabilità.

Sei pronto a implementare l’AR nelle tue campagne marketing?

Arwire è pronto ad ascoltare le tue idee. Contattaci per fissare un appuntamento cliccando qui.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su linkedin
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *